LA CIRCOLARE DI RENZI ALLE SCUOLE: “PARLATE BENE DELL’IMMIGRAZIONE” - worldnotix

LA CIRCOLARE DI RENZI ALLE SCUOLE: “PARLATE BENE DELL’IMMIGRAZIONE”

loading...

senza-titolo-1-5

 

 

 

LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE SULLA RICORRENZA DELLA GIORNATA DELLE VITTIME DELL’IMMIGRAZIONE. IL DIKTAT ALLE SCUOLE PER EVITARE ATTEGGIAMENTI “DISCRIMINATORI NEI CONFRONTI DEI RIFUGIATI”

Il 3 ottobre è la giornata nazionale per le vittime dell’immigrazione. Una ricorrenza decisa e approvata dal parlamento in ricordo delle vittime del naufragio a largo di Lampedusa avvenuto tre anni fa e in cui persero la vita 368 migranti.

Bene. Il ministero dell’Istruzione ha anche inviato una circolare a tutte le scuole per invitare i ragazzi a partecipare attivamente alla ricorrenza. Un documento in cui si invita a parlare bene dell’immigrazione. Senza se e senza ma.

Il fulcro dell’azione progettuale – si legge nella circolare – prende spunto proprio dalle vicende legate alla giornata del 3 ottobre 2013, in grado di far rivivere e riflettere le nuove generazioni sugli aspetti del fenomeno migratorio. Le comunità scolastiche sono quindi invitate ad affrontare e discutere questi temi, al fine di diffondere la cultura dell’informazione e dell’accoglienza, della convivenza e della pace, fondati sul rispetto dei diritti umani”. Non solo. “Si auspica che la partecipazione all’iniziativa – aggiunge il ministero – possa suscitare nelle classi coinvolte una riflessione e un dibattito importanti sulla diversità̀ culturale, linguistica, etnica, e sulle dinamiche di gruppo che l’arrivo di uno o più stranieri necessariamente innesca in una comunità. Il coinvolgimento delle ragazze e dei ragazzi costituirà anche un’occasione per confrontarsi sul tema delle discriminazioni e dell’esclusione dei migranti, rifugiati e richiedenti asilo a livello nazionale ed europeo“. Chissà se è accettata l’idea che uno studente possa pensarla diversamente, magari sostenendo che l’immigrazione così come è gestita dall’Europa è tutt’altro che positiva. E che non si può accogliere tutti.

Probabilmente no. Anzi sicuramente, tenuto contro che “l’obiettivo del progetto è quello di favorire, tra gli studenti italiani, una corretta conoscenza dell’asilo e della condizione di vita dei rifugiati in Italia” e le “difficoltà legate al viaggio e le violenze che sono costrette a subire nei paesi di transito”, perché non saperlo secondo il ministero “determina una visione distorta del fenomeno che nel tempo rischia di alimentare atteggiamenti discriminatori nei confronti deirichiedenti asilo e dei rifugiati. Per tali ragioni, è importante che nelle scuole italiane si possano sviluppare percorsi didattici finalizzati ad una corretta riflessione“. Come a dire che chi la pensa diversamente, che crede che sia sbagliato accogliere così tanti migranti, è nel migliore dei casi un razzista. Nel peggiore un ignorante.

LA RIVOLTA DEL PROFESSORE CONTRO LA “PROPAGANDA PIETISTICA”

In alcune scuole è accaduto anche che si invitasse a vedere il film di Gianfranco Rosi,Fuocammare, che andrà in onda stasera su Rai3. Cosa che non è piaciuta ad alcuni. Non tutti i professori sono stati infatti contenti di dar lettura e seguire le indicazioni delle circolari del ministero. In particolare il post di un professore, Martino Mora, ha avuto particolare diffusione sui social network. Mora si è detto “umiliato” per aver dovuto propagandare “una schifezza pietistica che serve a lavare il cervello della gente”, quando si è trovato a leggere una circolare – non specificata – in cui si invitano i ragazzi a vedere il documentario “Fuocammare” sulla strage di Lampedusa. “Ore 11.30 – racconta sulla sua pagina Facebook – Sto spiegando le guerre settecentesche in una quarta. Arriva la bidella con una delle numerose circolari da firmare e da leggere ai ragazzi. Firmo e leggo. Sulla circolare vi è scritto che per decisione del governo, approvata dal parlamento, la giornata del 3 ottobre è divenuta “Giornata delle vittime dell’immigrazione” e che si consiglia a tutti i ragazzi la visione su Rai Tre del film “Fuocoammare” che andrà in onda quella sera. Mi sento profondamente umiliato nella mia professionalità. A ragazzi ai quali cerco di sviluppare desiderio di conoscenza e senso critico sto consigliando (seppure solo come lettore di cose scritte da altri) un misero documentario di propaganda, una schifezza pietistica che deve servire a lavare il cervello alla gente, ad accettare come buona l’immigrazione di massa senza regole. Mi sento ridotto a megafono dell’ideologia dominante. Per fortuna mi salva la battuta di un ragazzo: “‘Iri sera c’era James Bond, ma mica me l’avete detto’. Gli faccio un grande sorriso“.

ilgiornale.it



loading...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *